Visualizzazioni totali

domenica 7 aprile 2013

Sant'Eufemia all'Ippodromo

Sant'Eufemia all'Ippodromo


La chiesa fu ricavata, tra il V e il VI sec., trasformando una struttura preesistente, un triclinio o un edificio termale, appartenente al complesso del palazzo di Antioco – ad ovest dell'Ippodromo - che risale agli inizi del V sec., quando la chiesa originaria, sita a Calcedonia, fu distrutta durante le invasioni sasanidi, e si ritenne che fosse più sicuro custodire le reliquie di Eufemia di Calcedonia all'interno di Costantinopoli.



Originariamente si trattava di un ambiente esagonale (probabilmente un'aula termale) con nicchie semicircolari su tutti i lati escluso quello d'ingresso. L'abside fu ricavato in una delle nicchie, aggiungendo un synthronon e il bema, il cui stilobate era ancora visibile nel 1942. Fu inoltre aperto un nuovo ingresso per riorientare l'edificio lungo l'asse est-ovest.

Abside e bema (foto 1942)

Le nicchie si aprono su degli ambienti semicircolari, uno dei quali comunica con la tomba ad arcosolio di un metropolita in cui è raffigurata la Vergine insieme a due vescovi e a Sant'Eufemia.

Tomba del metropolita

Le pareti della nicchia occidentale conservano in pessime condizioni i resti di 14 affreschi che illustrano la vita della santa e il martirio dei 40 martiri di Sebastea.
 
Scene del martirio di Sant'Eufemia
 
Nel riquadro in basso a destra, Sant'Eufemia viene data in pasto alle belve nell'arena
 
In base alla somiglianza che presentano nello stile e nella cromia con quelli della Mitropolis di Mistrà (1275-1280) e della Pammakaristos (1310 c.ca) sono stati datati alla fine del XIII secolo.

Durante la persecuzione iconoclasta, tra il 734 e il 740, Costantino V trasformò la chiesa in magazzino militare e fece gettare a mare la cassa contenente le reliquie della santa.
Secondo la leggenda questa riaffiorò nei pressi dell'isola di Lemno e fu recuperata da due pescatori.
La chiesa fu restaurata e le reliquie ricollocate al loro posto durante il regno dell'imperatrice Irene (797-802).
La chiesa rimase aperta sicuramente fino alla caduta di Costantinopoli.

Nel 1951 i resti della chiesa furono spianati per fare spazio al nuovo Palazzo di Giustizia di Istanbul lasciando in piedi solo le parti affrescate che si trovano adesso nel cortile del Palazzo di Giustizia.

Oggi le reliquie della santa vengono mostrate nella chiesa patriarcale del Phanar.
 
Colonna intagliata e frammento d'architrave provenienti dalla chiesa di Sant'Eufemia, museo archeologico di Istanbul
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento